Secondary ticketing: legali, non è reato

La sentenza con cui il gup di Milano ha assolto o disposto il non luogo a procedere per i nove imputati per la vicenda dei Secondary ticketing dimostra come "non vi sia alcun rilievo penale nel fenomeno del Secondary ticketing e che non vi è stata alcuna truffa alla Siae". A spiegarlo sono gli avvocati Francesca Gritti e Alessandra Cerreta che difendevano la società Vivo. "Per quanto riguarda l'aggiotaggio contestato - osservano i legali -, questo si è dimostrato insussistente da ogni punto di vista".

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Ferrera Erbognone

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...